Gli antichi la chiamavano parresìa

Evidentemente il delitto di lesa maestà esiste ancora ed è usato a piene mani contro chi, per denunciare un’ ingiustizia o semplicemente per dare un’informazione corretta, non si adegua al linciaggio dei media di regime ai danni del movimento NO TAV e scrive semplicemente la verità.

E’ capitato ad Erri De Luca, a Roberta Chiroli, a Davide Falcioni ed ora tocca ad Adriano Chiarelli.

Leggi tutto “Gli antichi la chiamavano parresìa”

la rivoluzione delle rose

Cara Edi, riceviamo con commozione il tuo messaggio in cui ci parli di te e delle ragioni che ti hanno poe1308380e5daf2fefbf39978c77f0fb7_XLrtata in Siria del Nord, a fianco delle donne forti e gentili delle YPJ.

Nella geografia delle lotte e del cuore i luoghi che vedono ora la tua vita e il tuo impegno non sono lontani dalla Valle NO TAV da te amata e, insieme a noi, generosamente difesa.

Le tue parole ci dicono ora delle tue ali capaci di volare lontano, dell’ intelligenza e dell’ amore che, ancora una volta, ti fanno scegliere di stare dalla parte degli oppressi che si ribellano. Leggi tutto “la rivoluzione delle rose”

Marco, non ti dimenticheremo.

Marco Commisso incidente moto

Marco: la notizia dell’incidente fatale che ce l’ha portato via giunge alla Credenza come una mazzata che ci lascia tutti storditi.

Il movimento NO TAV piange questo suo figlio sensibile e generoso, che ha dato alla lotta dedizione, tempo ed energia..

Marco lavorava all’ Azimut, ma la sua vita e i suoi sogni erano altrove. Negli anni di mobilità dalla fabbrica aveva approfondito la sua vera passione che era la musica, una passione che affrontava prima di tutto da liutaio: la scuola di liuteria di Cremona lo ha visto per anni valente allievo .

Leggi tutto “Marco, non ti dimenticheremo.”